Casella di testo:  
I.V.A. - IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

 

 

 

 

 

 

Pagina aggiornata al Febbraio 2008  

 


 

 

Tutte le pubbliche esecuzioni non gratuite di musica sono soggette al pagamento dell'IVA - Spettacoli.

La legge prevede per le associazioni ONULUS una normativa privilegiata.

 

Si tratta di una imposta dovuta nella misura del 10% da calcolarsi sugli introiti diretti ed indiretti percepiti in relazione al concerto o alla manifestazione musicale non gratuita, al netto dei "Compensi" dovuti alla SIAE per i diritti di autore.

 

La SIAE, una volta percettore di tale imposta, non lo pi, mentre rimane organo di controllo, insieme alla Guardia di Finanza, sui versamenti effettuati.

 

Il versamento dovuto tramite banca o con Conto Corrente Postale.

 

La normativa fiscale in proposito la seguente:

1) DPR n. 633/72 nella allegata Tabella A parte 3a n. 123 (Decreto istitutivo della imposta sul valore aggiunto).

 

2) Dec. Legislativo n. 60 del 26.2.1999 Art. 18 comparso sulla Gazzetta ufficiale del 26.2.1999. Detto decreto entrato in vigore il 1 Gennaio 2000.

 

3) Regolamento di attuazione (del detto Decreto n. 60), reso operativo con D.P.R. n. 544 del 30.12.1999 pubblicato a pag. 11 della Gazzetta Ufficiale n. 40 del 18.2.2000.

 

 Non necessario un registratore di cassa abilitato al rilascio di scontrini fiscali, mentre per il momento sono accettati i biglietti di ingresso prestampati dalla SIAE ed i relativi registri di carico.

 

Non appena avremo notizie aggiorneremo questa pagina. Sollecitiamo la collaborazione dei commercialisti associati.

 

 

 

 

 

Consorzio Cori & Bande tel. 333 778 56 65 oppure ( solo 8h30 - 9h30, 14h30 - 15h30 o serali) 06 442 38 108 - fax 06 442 38 521

Torna alla Homepage